article image

Intelligenza emotiva al lavoro: ecco come sfruttarla al meglio

Come sfruttarla

Per molti anni i successi personali e lavorativi sono sempre stati attribuiti al Quoziente Intellettivo, punteggio che misura lo sviluppo cognitivo; negli anni ‘90, la psicologia ha introdotto un nuovo costrutto, noto come intelligenza emotiva, che definisce la capacità di identificare, comprendere, gestire e sfruttare le emozioni per vivere al meglio la vita. 

Su alcuni siti specialistici esistono dei test per misurare la propria intelligenza emotiva se non sapete quanto il vostro Quoziente Emotivo sia sviluppato. Se sul luogo di lavoro vi siete più volte chiesti quali gesti da evitare e quali consigli applicare per apparire sicuri, come far emergere il vostro valore all’interno del team, come convincere il vostro capo della forza di una proposta, provando disagio e agitazione, probabilmente avete un Q.E. molto sviluppato. Badate bene, questa cosa non gioca a vostro sfavore, anzi!

 

 

Secondo lo psicologo statunitense Daniel Goleman, l’intelligenza emotiva può essere la chiave per il successo personale e lavorativo; ecco 4 situazioni in cui potrete trarre vantaggio sul lavoro sfruttando la vostra intelligenza emotiva. 

1)    Accettare una critica

Se siete dotati di intelligenza emotiva vi sarà sicuramente capitato di avere reazioni esagerate a una critica: ansia, eccessiva colpevolizzazione e bassa stima di voi stessi, tra le altre. Come sfruttare in positivo queste conseguenze dell’intelligenza emotiva? Questi eccessi di preoccupazione faranno si che non commetterete più il medesimo errore; inoltre vi daranno maggior consapevolezza su quello che siete in grado di fare e su cosa dovete concentrarvi di più.

 

2) Affrontare autonomamente un problema

Se avete un’intelligenza emotiva potete sfruttarla al meglio anche in questa situazione:

-       l’ansia di non voler disturbare gli altri stimolerà la vostra mente per ricercare la soluzione logica al problema;

-       la buona memoria con cui avrete assimilato la direttiva o con cui avrete ricordato una situazione analoga a quella che state affrontando, vi sarà di grande aiuto per razionalizzare il pensiero e raggiungere la soluzione che cercate.

Con questo non vogliamo invitarvi a non chiedere aiuto ai colleghi in caso di difficoltà: la vostra intelligenza emotiva vi suggerirà quando sarà il momento di interpellare qualcuno dopo che avrete fatto tutto il possibile per risolvere da soli la situazione.

3)    Ricevere una gratificazione

A differenza di coloro che hanno un’intelligenza pratica, che sono portati a ricercare una gratificazione per i successi dovuti alla mole di lavoro che sostengono, se avete un’intelligenza emotiva, sarete coscienti di aver fatto un buon lavoro, ma non vi prenderete tutto il merito del traguardo raggiunto.

L’intelligenza emotiva è solitamente accompagnata da una buona dose di umiltà, che vi consente di dare il giusto merito ai colleghi che hanno lavorato con voi e alle condizioni favorevoli del contesto in cui avete lavorato. Per questi motivi la vostra gratificazione sarà in ogni caso contenuta e autocritica, e questo atteggiamento verrà apprezzato dai vostri superiori.

4)    Affrontare un litigio con un collega

In un luogo di lavoro, così come nella vita reale, possono nascere incomprensioni o anche litigi, che dovrete affrontare nonostante la vostra intelligenza emotiva possa apparentemente essere un ostacolo, perché inizialmente potrebbe appesantire il vostro modo di lavorare in una situazione di stress.

Nonostante questo, le vostre emozioni amplificate, vi spingeranno ad affrontare il problema in maniera sicuramente diretta, con un confronto anche acceso, ma che contribuirà ad appianare gli ostacoli e a ristabilire la serenità.

Intelligenza emotiva: come sfruttarla al meglio al lavoro? Senza dubbio utilizzandola in maniera consapevole quando vi troverete davanti alle situazioni sopra indicate; qualora vi si presentassero sfide, nuove proposte, imprevisti, vivete le vostre emozioni come catalizzatori per “far succedere le cose”: fidatevi del vostro istinto, razionalizzate prendendovi il tempo che vi serve anche mettendo nero su bianco i pro e i contro delle situazione, infine, affrontate tutto nella maniera più serena possibile.

 

condividi: Condividi su FacebookCondividi su Twitter

torna indietro

DIXAN

You are using an outdated browser

Please upgrade your browser to experience #InnerIsland.